Elenco servizi utili in città

Ospitalità

A tavola

Locali e gelaterie

Porti turistici

Spiaggia

Associazioni

La località Sottomarina Lido

Mappa di Chioggia-Sottomarina >>

Sottomarina si presenta come una bellissima località balneare, meta di numerosi turisti, grazie anche alla sua posizione geografica particolarmente strategica perché a pochi Km di distanza da Venezia, Padova, Vicenza, Verona e Rovigo.

Piazza italia sottomarina

Piazza Italia - Sottomarina

Caratteristica principale è senza dubbio il suo Lungomare: più di 2 Km di passeggiata con numerosi alberghi fronte mare da un lato, e l’ingresso agli stabilimenti balneari dall’altro.

Da non trascurare i tanti locali d’intrattenimento, la maggior parte all’aperto dove, tra musica e colori, si respira la tipica aria vacanziera delle località di mare. Negli ultimi anni Sottomarina è stata oggetto di importanti trasformazioni che l' hanno notevolmente migliorata sotto molti punti di vista: nuovissimo arredo urbano volto a valorizzare gli spazi verdi, allestimento di  piste ciclabili e zone pedonali, introduzione di tre nuove rotonde destinate a snellire la viabilità.

La zona del centro si presenta particolarmente piacevole grazie al rifacimento delle tre piazze principali: Piazza Europa, Piazza Italia e Piazza Todaro; inoltre i numerosi negozi e boutique consentono di poter effettuare acquisiti di ogni genere, potendo disporre dei migliori marchi e delle ultime tendenze.

Ma la vera perla di Sottomarina è senza ombra di dubbio la sua spiaggia.

La spiaggia di Sottomarina

Sottomarina gode di una spiaggia che si prolunga oltre le foci del Brenta, fino a quelle dell’Adige, in quella di Isolaverde, rinomato per il terreno sabbioso particolarmente adatto per la sua produzione orticola, e oggi rinomato centro turistico dotato di moderne infrastrutture balneari immerse nel verde.

la spiaggia di sottomarina lido

La spiaggia di Sottomarina Lido

Lunga una decina di chilometri e con una profondità che in alcuni tratti raggiunge anche i 300 metri, la spiaggia di Sottomarina è caratterizzata e apprezzata in tutto il Litorale per la qualità della sua sabbia, finissima, con grande presenza di augite, quarzo, silicati ed elementi micacei, uniti ad una ventilazione regolarmente moderata e costante che rendono questa spiaggia particolarmente consigliata per cure eliopsammoterapiche e per una splendida abbronzatura.

La sua ampia e accogliente battigia è, senza dubbio ideale per lunghe passeggiate e per far divertire i bambini e rilassare i più grandi.

Da non trascurare la meravigliosa parte parte storico-artistica della località: Chioggia ... Leggi la storia di Chioggia qui.

Un po' di storia...

Sottomarina, anticamente, doveva presentarsi come una sottile striscia di terra, il cordone litoraneo più meridionale della Laguna. La sua conformazione subì sostanziali mutamenti soprattutto dal secolo XI, passando gradualmente da una vegetazione "selva" ad una di tipo "ortale". Delimitata a Sud, dalla foce del Brenta-Bacchiglione (porto di Brondolo), giungeva a Nord fino al Porto di S. Felice; l'abitato era rivolto verso la laguna (o palude) del Lusenzo e praticamente era limitato alla zona che va dal porto fino all'attuale Mercato vecchio. Alla bocca del porto si trovavano due torri di legno rispettivamente dette della Lupa e de Lion.

In seguito alla totale distruzione avvenuta nel 1379 nel corso della guerra di Chioggia, Sottomarina rimarrà disabitata, senza più difese a mare, luogo soggetto a continue inondazioni.  Lo stesso senato ne impedirà la ricostruzione, che avverrà solo verso la seconda metà del 1600. Nel secolo successivo, per difendere l'intero bacino lagunare, verrà costruita l'imponente opera dei Murazzi.

I murazzi di Sottomarina vecchia

I Murazzi di Via San Felice oggi - Sottomarina

La città anticamente costituiva un centro attivo e fiorente, governato da un suo tribuno e da leggi proprie. Poteva contare alcuni importanti chiese (S. Martino, S. Antonio Abate, S. Matteo), un Ospedale e un castello con torre, sito nell'omonima isoletta (Buoncastello). Da qui era collegata con Chioggia attraverso un ponte in muratura che per il canal Lusenzo raggiungeva l'isola di S. Domenico e quindi Chioggia.

Oltre 5 Km e mezzo di arenile, una larghezza che in alcuni punti supera i 300 metri. La sua leggenda non è delle più antiche. Il suo sviluppo territoriale è dovuto essenzialmente alla fortunata coincidenza di due elementi: l'ultima deviazione del Brenta dalla laguna avvenuta alla fine del secolo scorso, resasi necessaria per evitare il completo interramento e l'ormai compromessa salvezza della sua flora e fauna, nonché il pericolo della malaria; e la costruzione della diga sud del porto di Chioggia (S. Felice), opera effettuata alla metà degli anni 30 per la salvaguardia del territorio e la sicurezza delle imbarcazioni. Da allora gli apporti detritici del fiume allargarono in forma consistente il litorale, modificando in modo strutturale il territorio, con medie di tre metri l'anno. 

Alcune parti del testo sono state tratte dalla pubblicazione
CHIOGGIA ITINERARI STORICO-ARTISTICI
di Gianni Scarpa e Sergio Ravagnan

Loghi citta di chioggia apt con chioggia si veneto